Omeopatia e Omeotossicologia

Il padre dell’omeopatia è il medico tedesco Hahnemann vissuto agli
inizi del XIX secolo. Il principio fondamentale alla base delle sue
teorie è la legge di similitudine: ogni malattia può essere trattata
utilizzando una sostanza, diluita e dinamizzata, che somministrata
ripetutamente ad un individuo sano, è stata in grado di provocare
sintomi simili a quelli da curare.
L’omotossicologia nasce invece negli anni ’30 del millenovecento
grazie ad un altro medico tedesco, Hans Heinrich Reckeweg. Egli
afferma che le malattie sono l’espressione della lotta che compie
l’organismo per compensare i danni provocati dalle tossine al fine di
neutralizzarle ed espellerle.